lunedì 17 settembre 2012

1°: IL corso con Carll INTRO

Come anticipato e promesso, eccomi a raccontare la prima parte integrante (e importante) delle evoluzioni creative e non che si sono svolte, per me, in questi mesi.
Farò solo un'introduzione, perchè da scrivere ne ho parecchio, per chi avrà voglia di leggermi.
Scriverò tutto il necessario come condivisione, testimonianza, ma soprattutto per me stessa.
Chi mi legge?



1° IL corso con Carll. INTRO

IL corso.
Non "un", proprio IL.
Di corsi ne ho fatti tanti, viaggiando tra la magica Sarméde e l'incantevole Macerata; e senza escludere corsi brevi e lunghi, pubblici e privati, seguiti nella mia città.
Ognuno di questi corsi mi ha insegnato qualcosa, permettendomi di fare, ogni volta, un passetto in avanti.

E di passi dovrò e vorrò farne ancora tanti.
Ma.
IL corso con Carll è stato UNICO nel suo genere.

Parto dall'inizio (non vi tedierò, prometto!).
L'inizio è un post letto sul bellissimo Blog di Anna Castagnoli. Questo Post.
Dopo aver frequentato Sarméde per tanti anni, ho sentito il bisogno di cambiare aria, modi e stili.
La descrizione che Anna ha fatto del corso di Carll Cneut, perchè di lui sto parlando, mi ha colpita molto. Quel corso sembrava fatto al caso mio.
Inoltre mi era appena capitato tra le mani il suo bellissimo libro "Il segreto dell'usignolo".
Ho contatto la Fabbrica e ho prenotato.

Questo luglio sono volata fino a Macerata, scoprendo un'altra bellissima realtà creativa.
E altre incredibili persone.

La classe. De kinderen.
La mia settimana è stata molto intensa, come in ogni corso d'illustrazione.
Ma quest'anno l'intensità si è accompagnata a una forte e personale consapevolezza di ciò che desideravo e di ciò che sarei stata disposta ad affrontare.

Molti illustratori conoscono l'evoluzione psicologica di una settimana di corso.
Si comincia esaltati il lunedì, si continua il martedì un pò più tranquilli, mercoledì già qualcosa comincia a stonare e... arriva la CRISI!
Il giovedì c'è chi piange, chi si arrabbia, chi si ferma, chi va a farsi un giro, chi impazzisce... Verso il giovedì sera si trova una soluzione e il venerdì ci si scatena e non ci si vorrebbe fermare più. Ma arriva il Sabato e il ritorno a casa, coi lacrimoni agli occhi per la nostalgia!

Confermate?

Ogni corso è stato così.
Ma IL corso di Carll è stato questo e più di questo.
Intenzionata a non farmi sotterrare dalla crisi del mercoledì/giovedì, ero pronta a tutto, armata fino ai denti di determinazione. Ero pronta a sbagliare, pronta a sentirmi dire di tutto, ad accogliere "mostri orrendi" e sorprese.
Li ho ottenuti tutti.

Cosa succede NEL corso di Carll?
In realtà... non succede nulla di chissà che di diverso da tanti altri corsi.
Per lo meno in apparenza.
Non ti fa fare giochetti buffi, passeggiate improvvisate, tecniche strane.
Carll arriva col suo sorriso, gli shorts e le sue inseparbili infradito, ti fa scegliere un testo (attenzione: che sia in linea col tuo sentire!) e ti fa fare un storyboard, una maquette e le illustrazioni definitive.
Nulla di strano, no?
Sembra facile. Sembra.

Carll. De Meester.
IL corso di Carll e Carll ti fanno lavorare su te stesso.
Con una semplicità disarmante, con poche parole e poche espressioni.
Con semplici consigli. Diretti e misurati sul TUO lavoro.
Forse il tutto funziona bene quando si è anche aperti a far sì che queste "semplicità" vadano a fondo.
Quando si è pronti ad ascoltare e a fidarsi di una persona competente.
Per me è stato così.

Fin dal primo giorno ho capito che quella settimana mi avrebbe riservato delle sorprese.
Lo sentivo.
E avevo ragione.



... continuo (qui).

4 commenti:

cristina ha detto...

Io ti leggo pechè mi interessa molto seguire questo tipo di evoluzione e mi piacerebbe tantissimo frequentare un corso del genere...
(una vocina però mi dice sempre che non ne sarei all'altezza...)

Ila ha detto...

Ciao Cristina :)
Quella vocina... mandala in ferie, dice bugie.
Finchè non ci provi, non puoi sapere cosa sei in grado o meno di fare ;)

Dopo le avventure Maceratesi arriverà un altro post... inerente all'argomento.
Spero di poter condividere una cosa che a me è stata davvero utile.

Solo un poco di pazienza e arrivo :)

Buon week end

sabina ha detto...

brava Ila! è stato un tuffo nel passato , in quella settimana indimenticabile.

Ila ha detto...

Grazie cara :)
Spero ripeteremo l'anno prossimo ;)